Argonauta 1-6 2013





back to index
page 071
page 072
page 073

il genere Tacheocampylaea Pfeiffer, 1877


 Le mie ricerche turistico-malacologiche che da alcuni anni sto svolgendo sfruttando, durante la buona stagione, il tempo libero che mi deriva dalla condizione di essere pensionato, mi hanno portato a visitare talora posti a me completamente sconosciuti, altre volte mi hanno stimolato a tornare in località che ben conoscevo e che avevo però ignorato sotto l’aspetto della fauna malacologia terrestre.
 Le due specie delle quali mi occupo in questo caso, sono uno dei motivi per i quali sono tornato i due dei posti che ho più amato e che ancora oggi mi restano particolarmente cari per motivi non solo malacologici, l’Isola di Capraia e la Sardegna.
 La prima è stata meta per molti anni delle mie vacanze estive ma posso dire di averne apprezzate fino a quando ho deciso di tornarci per scoprirne la parte interna, solo il mare e le coste, altrettanto , anche se in maniera molto più superficiale, posso dire della Sardegna dove mi ero recato in passato solo per goderne il mare meraviglioso ed i paesi per lo più costieri.
 Il recarmici di nuovo, negli anni scorsi, anche con lo scopo di scoprirne le ricchezze malacologiche terrestri, è stato un po’ come scoprire un’altra faccia, non meno affascinante! Le specie che appartengono al genere Tacheocampylaea che fanno parte della fauna Italiana sono due Tacheocampylaea carotii (PAULUCCI, 1882) e Tacheocampylaea tacheoides (POLLONERA, 1909) la prima endemica della Sardegna e la seconda esclusiva dell’Isola di Capraia nell’arcipelago Toscano.
 My malacological-turism research that for some years I'm doing using, during the warmer months, the leisure that I derived from the condition of being retired, they took me to visit places sometimes completely unknown to me, other times I was encouraged to return in places I knew so well and that I had, however, ignored the aspect of malacology terrestrial fauna.

 The two species of which I deal in this case, are one of the reasons why I got the two places that I have loved and I still remain very loved, not only for malacological reasons,of Capraia island and Sardinia island.
 The first has been for many years the destination of my summer holidays but I can say to appreciated only the sea and the coasts until I decided to come back to see the inside, the same, although in a much more superficial, I can say of Sardinia, where I had gone in the past just to enjoy the wonderful sea and the mostly coastal countries.

 Going here again, in recent years, with the aim of discovering the riches malacological land, it was a little 'how to discover another face, no less fascinating!'
 The species belonging to the genus Tacheocampylaea that are part of the Italian fauna are two: Tacheocampylaea carotii (PAULUCCI, 1882 and Tacheocampylaea tacheoides (POLLONERA, 1909) endemic to Sardinia the first and the second exclusively in the island of Capraia in the archipelago Toscano .